Le Poesie l’8° modalità proposta alle scuole

Si propone agli allievi la creazione di:


Poesie di contenuto positivo ispirate ai temi del progetto:

rispetto a 360°

pace simboleggiata dalla colomba, dall’arcobaleno e da tutte le altre immagini che ciascuno vorrà proporre

fratellanza

16 simboli presentati e tutti quelli che ciascuno vorrà proporre

logo dei simboli

utilizzando le parole chiave:
– immaginazione

– creatività

– positività

– sorriso

– cambiamento

Nella foto gli haiku composti dai bambini della scuola primaria di Magliano

“L’onda” 

a857f-xl2527ondaimg_1448

L’onda che arriva sulla riva ghiaiosa

lascia un crepitio che scuote e sorprende

ascoltalo

e fa che l’onda di nuovi e saggi pensieri

che arriva sulla riva dei giovani cuori, ne lasci uno analogo ancor più contagioso.

©Daniela Bertoletti

“L’onda della Positività”img_2293

Aho!

Ma tu che stai a stirà a Bogotà

e tu che stai a passeggià a Rabà

e tu ancora che stai a cucinà a Sanà

nun te sei accorto che stai a pazzià?

Nun te sei accorto de quanto é bello er monno?

Te lo stanno a di’ tutti quanti:

l’uccelli,

le nuvole ner cielo,

er sole quanno, tutti li giorni, cade dentro all’acqua,

se fa er bagno per te,

ma tu niente,

encollato a quer televisore,

a quelle faccie brutte che fanno solo li fattacci loro!

Pensa ´n po’ quanto sarebbe bello mentre stai a stirà,

mentre stai a passeggià,

mentre stai a cucinà

se potessi pensà a quanto é bello er monno

si solo tu lo volessi vedé così,

si solo tu te rendessi conto ogni seconno!

Te prego connetti li pensieri tui sull’onda giusta che po’ fa’ er bene dell’umanità, solo quella della positività!

©Daniela Bertoletti

 tramonto-piccola-capri-foto-2

“Che miracolo sarebbe”

Che miracolo pel monno se lo potessimo guardà

come’ na mamma guarda er piccoletto suo de pochi mesi!

Co l’occhi e la bocca

je vo’ donà

d’en botto

tutto er bene suo

Je vo’ fa capì quanto l’ama

In un seconno vo’ capì che cià che lo disturba

Vo’ riconosce e fasse svelà er perché

de tutti i frigni e i movimenti strani

Pronta sempre a saziallo e coccolallo ar petto suo

come se fosse la prima vorta

che se lo strigne ar core

Che miracolo sarebbe pe’ tutti noi

se dalla luna

ner magico firmamento

potessimo vedè er monno cullato

come er più amato dei bebè!

Daniela Bertoletti

“Er cellulare”img_0689

Mamma, papà nun te preoccupa’!

Er fijo tuo lo poi ritrova’!

Anche senza er cellulare lo poi ritrovà!

E’ er fijo tuo, però, c’ha perso te!

Je mancano l’occhi tui che lo guardano severi o ammirati perchè pure tu stai a guardà n’ iphon,

je manca la mano tua autorevole o amorosa perchè sta a regge n’antro cellulare,

je mancano le attenzioni tue,

sentì er core tuo che palpita pe’ lui perchè stai occupato’n chat co una che nemmeno sai chi è!

La sera prima danna’ a letto je manca la voce tua che je racconta belle storie perchè te sei persa’n rete a navigà nell’infinito google che t’ellude de fatte vedè infinite cose mentre te perdi le cose tue più care.

Mamma, papà nun te preoccupa’!

Er fijo tuo lo poi ritrova!

Anche senza er cellulare lo poi ritrovà!

Fatte’n regalo ma non n’antro ipod

Regalate la saggezza pe capì dove poi annà a finì!

Daniela Bertoletti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...